Velaterapia uno studio pilota

postato in: Articoli | 0

Un recentissimo studio pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Healh fortemente legato alle tematiche che affrontiamo con il programma Una vela per la rinascita.

Abbiamo tradotto per voi l’abstract e di seguito troverete l’articolo completo in inglese.

Un’esperienza di navigazione a vela su misura per ridurre il distress psicologico e migliorare la qualità della vita di sopravvissuti al cancro al seno: uno studio pilota

Gli autori

Daniela Mirandola1 , Giovanna Franchi 2,3, Alice Maruelli 2,3, Manuela Vinci 3, Maria Grazia Muraca 2,4, Guido Miccinesi 4 , Mirko Manetti 1 e Mirca Marini 1

Abstract

Background: evidenze crescenti indicano che le attività fisiche/sportive possono migliorare
la salute e la qualità della vita (QoL) dei sopravvissuti al cancro al seno (BC).

Poiché recenti report hanno suggerito che la vela possa migliorare il benessere psicofisico e la QoL delle persone con disabilità, questo studio pilota ha valutato l’efficacia di un’esperienza di navigazione su misura sulla QoL e disagio psicologico (PD) dei sopravvissuti a cancro al seno.

Metodi: un gruppo di 19 pazienti che hanno superato il cancro al seno che frequentava il Centro di Riabilitazione Oncologica di Firenze è stato invitato a partecipare alle attività di una scuola di vela e ha completato un sondaggio basato su un questionario online strutturato che valuta QoL e PD sia alla partenza (baseline), sia una settimana dopo il rientro (follow-up).

Il sondaggio comprendeva una prima parte (ossia caratteristiche sociodemografiche e pratica di attività fisico/sportive all’inizio; soddisfazione dell’esperienza di navigazione al follow-up) e una seconda parte (cioè, Short Form-12 (SF-12), State/Trait-Anxiety Inventory form Y (STAI-Y), questionari sul termometro di distress).

Per confrontare la linea di base rispetto ai punteggi QoL e PD di follow-up è stato utilizzato un il test t di Student accoppiato.

Risultati: dopo l’esperienza di navigazione sono stati rilevati un miglioramento statisticamente significativo nei punteggi della componente mentale SF-12 e una riduzione in entrambi i componenti STAI-Y e i punteggi del termometro di distress.

Conclusioni: concludiamo che la pratica della vela potrebbe essere un possibile intervento per aumentare il benessere psicofisico dei sopravvissuti a BC.

Parole chiave: vela; tumore al seno; sopravvissuti al cancro; qualità della vita; distress psicologico; benessere psicologico

Tailored Sailing Experience to Reduce Psychological Distress and Improve the Quality of Life of Breast Cancer Survivors: A Survey-Based Pilot Study

  • 1 Department of Experimental and Clinical Medicine, Section of Anatomy and Histology, University of Florence, 50134 Florence, Italy;
  • 2 Oncological Rehabilitation Center (Ce.Ri.On.), 50139 Florence, Italy;
  • 3 The Italian League against Tumors (LILT), 50126 Florence, Italy;
  • 4 Oncological Network, Prevention and Research Institute (ISPRO), 50139 Florence, Italy;
  • Received: 13 May 2020; Accepted: 16 June 2020; Published: 19 June 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *