Velaterapia uno studio pilota

Un recentissimo studio pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Healh fortemente legato alle tematiche che affrontiamo con il programma Una vela per la rinascita.

Abbiamo tradotto per voi l’abstract e di seguito troverete l’articolo completo in inglese.

Un’esperienza di navigazione a vela su misura per ridurre il distress psicologico e migliorare la qualità della vita di sopravvissuti al cancro al seno: uno studio pilota

Gli autori

Daniela Mirandola1 , Giovanna Franchi 2,3, Alice Maruelli 2,3, Manuela Vinci 3, Maria Grazia Muraca 2,4, Guido Miccinesi 4 , Mirko Manetti 1 e Mirca Marini 1

Abstract

Background: evidenze crescenti indicano che le attività fisiche/sportive possono migliorare
la salute e la qualità della vita (QoL) dei sopravvissuti al cancro al seno (BC).

Poiché recenti report hanno suggerito che la vela possa migliorare il benessere psicofisico e la QoL delle persone con disabilità, questo studio pilota ha valutato l’efficacia di un’esperienza di navigazione su misura sulla QoL e disagio psicologico (PD) dei sopravvissuti a cancro al seno.

Metodi: un gruppo di 19 pazienti che hanno superato il cancro al seno che frequentava il Centro di Riabilitazione Oncologica di Firenze è stato invitato a partecipare alle attività di una scuola di vela e ha completato un sondaggio basato su un questionario online strutturato che valuta QoL e PD sia alla partenza (baseline), sia una settimana dopo il rientro (follow-up).

Il sondaggio comprendeva una prima parte (ossia caratteristiche sociodemografiche e pratica di attività fisico/sportive all’inizio; soddisfazione dell’esperienza di navigazione al follow-up) e una seconda parte (cioè, Short Form-12 (SF-12), State/Trait-Anxiety Inventory form Y (STAI-Y), questionari sul termometro di distress).

Per confrontare la linea di base rispetto ai punteggi QoL e PD di follow-up è stato utilizzato un il test t di Student accoppiato.

Risultati: dopo l’esperienza di navigazione sono stati rilevati un miglioramento statisticamente significativo nei punteggi della componente mentale SF-12 e una riduzione in entrambi i componenti STAI-Y e i punteggi del termometro di distress.

Conclusioni: concludiamo che la pratica della vela potrebbe essere un possibile intervento per aumentare il benessere psicofisico dei sopravvissuti a BC.

Parole chiave: vela; tumore al seno; sopravvissuti al cancro; qualità della vita; distress psicologico; benessere psicologico

Tailored Sailing Experience to Reduce Psychological Distress and Improve the Quality of Life of Breast Cancer Survivors: A Survey-Based Pilot Study

  • 1 Department of Experimental and Clinical Medicine, Section of Anatomy and Histology, University of Florence, 50134 Florence, Italy;
  • 2 Oncological Rehabilitation Center (Ce.Ri.On.), 50139 Florence, Italy;
  • 3 The Italian League against Tumors (LILT), 50126 Florence, Italy;
  • 4 Oncological Network, Prevention and Research Institute (ISPRO), 50139 Florence, Italy;
  • Received: 13 May 2020; Accepted: 16 June 2020; Published: 19 June 2020

Potrebbe anche interessarti...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: